Bandha Yoga: una traduzione per OM Edizioni

E’ ormai assodato: conoscere l’anatomia è di fondamentale importanza per approfondire la nostra pratica. Ma come insegnare agli studenti, soprattutto a coloro che si avvicinano per la prima volta allo yoga, come attivare (o rilassare) correttamente bandha, muscoli e articolazioni? Molto spesso, chi si avvicina allo yoga non ha alcuna diretta conoscenza anatomica. A volte ci troviamo davanti a studenti che vengono da altre discipline sportive, e hanno un rapporto più fluido con il loro corpo. Ma non è raro che arrivino anche persone che non hanno mai praticato alcuno sport – e di qualsiasi età. Parlare loro di bandha, drishti, o quadricipiti, legamenti crociati, psoas e ischiocrurali rischia di confonderli e di rendere la pratica un percorso ad ostacoli, togliendole quell’aspetto meditativo che è uno dei cardini dello yoga. Come guidare quindi il neofita? Innanzi tutto, utilizzando delle metafore. Per attivare i muscoli della mano sul tappetino, ad esempio, ed evitare di scaricare tutto il peso sui polsi, io suggerisco spesso agli studenti di immaginare che le loro mani siano come stelle marine completamente aderenti alla roccia. Trovo particolarmente utile fornire indicazioni pratiche: per allineare correttamente il ginocchio in Virabhadrasana, ad esempio, ed evitare che scivoli troppo all’interno o all’esterno, suggerisco sempre di abbassare lo sguardo per osservare l’alluce, che dovrebbe sempre apparire parzialmente nel campo visivo. Utilizzo inoltre gli “aggiustamenti” nelle posture per dare maggiore consapevolezza dell’esistenza di un muscolo. A volte è sufficiente appoggiare una mano su un muscolo contratto, ed invitare lo studente a visualizzarne il rilassamento, per aprire una porta di consapevolezza sul corpo. Prima di procedere ad aggiustamenti più vigorosi, mi limito semplicemente ad appoggiare le mani sulla zona da contrarre o distendere, invitando lo studente ad attivare da solo il muscolo, e a visualizzarne l’azione. A quel punto, ne utilizzo il nome anatomico corretto, per creare una memoria sensoriale nello studente. Alla lezione successiva, basterà l’indicazione vocale per risvegliare in lui la sensazione. Infine, cerco di diluire le informazioni – in una posizione relativamente semplice come Tadasana, ad esempio, sono tali e tante le informazioni da rischiare di stordire lo studente se gliele forniamo tutte insieme. Lascio quindi che ad ogni informazione seguano delle respirazioni ad occhi chiusi, per dare il tempo a chi apprende di assaporare i cambiamenti prodotti dalle indicazioni. Soprattutto durante le prime classi, cerco di mantenere il ritmo del vinyasa particolarmente lento, in modo da consentire ai partecipanti di approfondire autonomamente le posizioni, di sentirle in profondità e di memorizzarle. In questo modo, progredendo, il rischio di errori di allineamento sarà notevolmente ridotto e sarà più facile per il neofita progredire in sicurezza. Una maggiore conoscenza del proprio corpo rende la pratica più consapevole. Ciò che conta è ricordare che chi abbiamo davanti sta iniziando un cammino e ha bisogno di essere guidato con pazienza e con chiarezza.
Buona pratica e, per chi volesse approfondire le tematiche anatomiche legate allo Yoga, ecco un link davvero utilissimo: Bandha Yoga  di Ray Long. I suoi libri, pubblicati in italiano da OM Edizioni, sono davvero di grande utilità per insegnanti e studenti. I suoi consigli pratici danno suggerimenti innovativi nell’approccio alle diverse posizioni e sequenze Vinyasa.
Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.