Mark Robberds: hungry to learn (ENG/ITA)

Italian version: scroll down after video

Mark Robberds by Alessandro Sigismondi

Lately, I have been researching a lot into the Ashtanga Yoga practice and other forms of movement – the input come from my recent wear-and-tear injury to the sacro-iliac ligament, that caused me several difficulties with hip opening on the left side. I have been asking myself how to approach the practice in a way that could be really beneficial, with no intent to take shortcuts but to truly enjoy and make the most out of the practice. Needless saying, I have been following Mark Robberds‘ posts since they are always full of useful information. Mark is world famous to be one of the most influential Ashtanga Yoga teacher, and also is a wonderful person. I had the great opportunity to meet him in Mysore two years ago, then in Turin, and in Goa last winter. He strikes me with his down to earth approach and his lovely manners. He is a great teacher who truly enjoys sharing his knowledge. I asked him for an interview, and despite his incredibly busy schedule, he found the time to chat about his approach to the practice and movement in general. Mark’s answers to my questions are so helpful, I am confident all of you will benefit from reading!

FDE: Mark, you are not only one of the very few KPJAYI Certified Teacher, but also one of the most followed Ashtanga Yoga teachers on social networks. Your impact on the Ashtanga community is huge and growing. Personally I find your posts always very useful, full of practical hints on how to approach asanas. You are also a handstand lover and a lover of movement in general. How did you start exploring movement outside the traditional Ashtanga Yoga method, and how these practices help your yoga sadhana?

MR: I have been an athlete, or let’s say into sports since I was in diapers. I grew up playing rugby, cricket, tennis, swimming, running, biking, and in my teens I got into skateboarding, mountain biking, rock climbing, martial arts, surfing and going to the gym. So I have always been very physical.

Then I started practicing Yoga in 1997 and in 1998 I got Dengue Fever. I became very sick and my immune system was very weak and I was not able to do any more sports. I recovered through restorative yoga and I realised the incredible benefits of it, which then drew me into the Yoga practice and in particular Ashtanga. Everything else, besides surfing, dropped away and I went through a very intense phase of only focusing on the Ashtanga practice. However I always had my eye on other forms of movement like capoeira, breakdancing, modern dance, even salsa and I dabbled a little bit over the years with them. I had an intention that in my 40’s, after reaching a high level of proficiency in Ashtanga, I would devote more time to learning other skills and this is what is happening. 

The yoga practice has been an amazing mind-body discipline that I can connect now with any other form of movement. Likewise I can take whatever I learn from my explorations and investigation into other modalities and bring it back into my Yoga sadhana to make it even better. 

FDE: You are in your early 40s and look stronger and healthier than ever. What is your advice for a healthy and lifelong Ashtanga Yoga practice? 

MR: My observation is that most Ashtangis burn out in their early 40’s. There are the few cases of people who start in their 40’s or 50’s and do very well in the practice because they have a natural disposition towards it. Other older people, who start later in life, are usually not ambitious and therefore receive the benefits of the practice in making them healthier, stronger and more flexible.

Mark e sua moglie, Deepika Metha, anche lei insegnante di Ashtanga Yoga

For the rest, though, the burn out comes because of repetitive strain. The same movements are practiced over and over again and it wears out the joint structures of the body over time. This combined with pre-existing conditions and/or improper alignment and movement patterns leads to wear and tear injuries. Practitioners then get discouraged and move on to the next thing. In this regard, then, I feel like it’s important to practice more intelligently. Be sure to take all rest days, moon days, Saturdays, if you’re a women then ‘ladies holidays’, and even men should consider taking more days off. Obviously I’m not speaking to the person who has a problem committing to practicing at all. This is for those people who feel guilty for not practicing and find themselves practicing even when they are in pain or when their intuition is telling them to rest.

Yoga should not create pain or injury. It should be the opposite actually. It should make you injury resistant. If you are finding yourself getting injured then you are doing something wrong. Also, in Ashtanga, there’s no mention of practicing with different levels of intensity. In all other forms of physical movement training, the training is cyclical in nature. There are peak periods, and there are de-load days, for example, where only 40% of the volume is performed. Some athletes will have an easy week once a month, or every 6 weeks. I feel like this approach is needed in Ashtanga, otherwise everyone is practicing at 100% everyday, indefinitely, until they are forced to rest due to injury or sickness. I started making these changes in my late 30’s and it is working really well. I feel better than ever. My body is pain free and I’m learning new skills everyday.

FDE: Can you give us a hint on your daily practice? What is your weekly routine?

MR: My routine varies a lot due to the irregular nature of my work schedule. I tend to work very intensely for a few days then have the rest of the week off, but there will be travel days. Or I’ll be running a retreat for a week, then have some time off. Soon I’ll be running a month long intensive and the work load will be a lot. But then I’m taking 2 months off! So I adapt my practice to whatever is going on in the moment. 

I need to keep researching, keep practicing. This is my life. To be the best teacher I can possibly be, and the most service to my students, I need to stay hungry to learn. So this is the stage I’m in now. At the moment i’m doing 4 days Ashtanga per week – each day a different series, 1st,2nd, 3rd, 4th and this is working out really well. I feel fantastic. Every morning I do my morning ritual of journaling, meditation, pranayama, then some movement research and exploration followed by my practice. On my non-ashtanga days I’m doing some other training. Mostly handstand training but also ring work and weights for leg strengthening. I also surf everyday when possible.

FDE: What is your advice to those who are struggling in a pose, or those who are facing physical limitation (like injuries, body constitution etc.)?

MR: You can choose to see the struggle as a positive or negative. If it is a negative then you have to change your attitude. No one is forcing you to do anything. You always have a choice. Everything can be turned into a positive. There’s always a way to modify the practice so that any body constitution can realize their full potential. Injuries are great teachers and should be viewed from this perspective. What can this teach me? Always keep moving. Rest the injured area but keep the rest of the body moving.

FDE: Mark, all your work on asana could easily be material for an amazing book. Are you planning to write one, or to collect all your post into something more organic? 

MR: I haven’t got any clear vision of how to put that book together, but I am in the process of collecting all my favorite posts and this could actually be a great learning tool and a beautiful coffee table book!

I can only add that I can’t wait to read more from Mark Robberds!

ITALIANO – Mark Robberds: fame di conoscenza

Recentemente, come saprà chi mi segue, ho fatto molta ricerca all’interno della mia pratica di Ashtanga e di altre forme di movimento. L’input è arrivato da un infortunio al legamento sacro-iliaco, che ha reso le aperture dell’anca sinistra piuttosto difficoltose. Mi sono chiesta molte volte come approcciare la pratica in un modo che fosse realmente salutare, senza alcuna intenzione di prendere scorciatoie, ma con il desiderio di trarne gioia e beneficio. Inutile dire che ho seguito e seguo con attenzione i post di Mark Robberds, che sono sempre pieni di utilissime informazioni. Mark è famoso in tutto il mondo ed è uno degli insegnanti di Ashtanga Yoga più influenti, oltre ad essere una bellissima persona. Ho avuto occasione di conoscerlo due anni fa a Mysore, e di incontrarlo nuovamente a Torino e a Goa lo scorso inverno. Mi ha colpito per il suo atteggiamento semplice e gentile: è un grande insegnante, che davvero ama condividere le sue conoscenze. Gli ho chiesto un’intervista, e lui, nonostante i suoi tantissimi impegni, ha trovato il tempo di fare due chiacchiere e di raccontarmi il suo approccio alla pratica e al movimento in generale. Le sue risposte alle mie domande sono così utili, che sono certa che tutti voi ne trarrete grande beneficio! 

FDE: Mark, non sei solo uno dei pochissimi insegnanti certificati KPJAYI, ma anche uno dei più seguiti maestri di Ashtanga Yoga sui social. Il tuo impatto sulla comunità Ashtanga è enorme e in continua crescita. Personalmente, trovo i tuoi post sempre molto utili, pieni di spunti pratici su come affrontare gli asana. Sei anche un amante delle inversioni, e del movimento in generale. Come è nato il tuo interesse per pratiche che non fanno parte del metodo tradizionale dell’Ashtanga, e qual è il contributo di questi approcci al tuo sadhana? 

MR: Sono sempre stato uno sportivo, diciamo da quando ero in fasce. Sono cresciuto giocando a rugby, cricket, tennis, nuotando, correndo, andando in bici. E da teenager mi sono dedicato allo skateboard, alla mountain bike, all’arrampicata sportiva, alle arti marziali, al surf e naturalmente alla palestra. Da sempre vivo il mio corpo in modo completo. 

Poi, nel 1997 ho iniziato a praticare Yoga. Nel 1998 mi sono ammalato di febbre Dengue. Ero davvero debole, il mio sistema immunitario aveva reagito male, e non riuscivo a praticare nessuno dei miei sport. Mi sono ripreso grazie al restorative yoga e mi sono accorto dei suoi incredibili benefici. Da questa pratica sono arrivato allo Yoga e in particolare all’Ashtanga. Tutti gli altri sport, a parte il surf, sono usciti dalla mia vita, e per una fase molto intensa mi sono concentrato solo sulla pratica dell’Ashtanga. Ho sempre tenuto d’occhio, tuttavia, altre forme di movimento, come la capoeira, la breakdance, la danza moderna, persino la salsa, e mi ci sono dedicato sporadicamente negli anni. Avevo intenzione, una volta raggiunti i 40 anni e un buon livello nell’Ashtanga, di dedicarmi ad altre attività ed è quello che sto facendo. 

La pratica dello Yoga è stata per me una disciplina eccezionale, in grado di collegare mente e corpo in un modo che ora posso utilizzare in qualsiasi altra forma di movimento. E al tempo stesso, posso portare tutto ciò che imparo dalle mie esplorazioni del corpo all’interno del mio sadhana, per migliorarlo continuamente.

FDE: Mark, hai raggiunto i 40 anni e sei più forte e in forma che mai. Qual è il tuo consiglio per chi vuole mantenere una salutare pratica pratica dell’Ashtanga Yoga per tutta la vita? 

MR: Da ciò che ho visto, la maggior parte di chi pratica Ashtanga raggiunge una sorta di “burn out” intorno ai 40 anni. Ci sono rari casi di persone che iniziano a praticare a 40 o 50 anni, ottenendo ottimi risultati anche grazie ad una naturale predisposizione. Altri, di età anche più avanzata, non hanno eccessive ambizioni nei confronti della pratica e ottengono in ogni caso molti benefici: maggiore forza, flessibilità e salute. 

Il burn out, comunque, arriva dagli sforzi ripetuti. Praticare gli stessi movimenti, continuamente, per anni, a lungo andare logora le strutture articolari. Questo aspetto, in combinazione con situazioni pre-esistenti e/o allineamenti o posture scorrette creano i presupposti per gli infortuni da usura. Il praticante quindi si scoraggia e si dedica ad altre discipline. Proprio per questo, penso sia importante praticare in modo più intelligente. E’ importante rispettare i giorni di riposo, i giorni dedicati alle fasi lunari, e per le donne le famose “ladies holidays”. Ma anche gli uomini dovrebbero cercare di riposare un po’ di più. Naturalmente non mi sto rivolgendo a chi non pratica in modo continuativo, ma a coloro che si sentono in colpa quando non praticano, e vanno avanti nonostante sentano dolore e nonostante il loro intuito gli suggerisca di riposare. 

Lo Yoga non dovrebbe creare dolore o infortuni. Anzi, dovrebbe essere l’opposto: lo Yoga dovrebbe renderci più resistenti agli infortuni. Se ci facciamo male, stiamo facendo qualcosa di sbagliato. Inoltre, nell’Ashtanga, non si parla da nessuna parte di praticare a livelli di intensità diversi. In tutte le altre forme di movimento, l’allenamento è, per sua natura, ciclico. Ci sono periodi di intensità maggiore, e giorni di scarico, in cui si pratica al 40% della capacità. Alcuni atleti si prendono una settimana di riposo al mese, o ogni 6 settimane. Ritengo che anche nell’Ashtanga sia necessario considerare questo tipo di approccio, diversamente il praticante si ritrova a praticare ogni giorno, senza sosta, al 100% delle sue capacità, fino a quando è costretto al riposo forzato per malattia o infortunio. Io ho iniziato ad apportare questi cambiamenti dopo i 35 anni, e mi sento molto in forma. Non ho dolori, e imparo cose nuove ogni giorno. 

FDE: Ci puoi dare un’idea della tua pratica quotidiana e della tua routine settimanale? 

Una bellissima immagine di Mark Robberds

MR: La mia routine varia moltissimo a causa della natura irregolare del mio lavoro. Di solito lavoro con grande intensità per qualche giorno, poi mi prendo il resto della settimana per riposare, ma devo tenere conto dei giorni in cui viaggio. O capita che io debba tenere un ritiro di una settimana, e poi avere un periodo tranquillo. A breve, condurrò un intensivo di un mese, e avrò un notevole carico di lavoro. Ma poi, mi prenderò due mesi per me! Quindi adatto la mia pratica al momento in cui mi trovo. 

Sento sempre il bisogno di fare ricerca e di praticare. E’ la mia vita. L’unico modo per essere l’insegnante che voglio essere, al servizio dei miei studenti, è essere affamato di conoscenza. E mi trovo proprio in questa fase. Al momento pratico Ashtanga Yoga 4 giorni a settimana – ogni giorno una serie diversa, 1st,2nd, 3rd, 4th ed è un sistema che funziona molto bene per me, mi sento benissimo. Ogni mattina mi dedico al mio rituale personale, la scrittura di un diario, alla meditazione, al pranayama, alla ricerca di nuove capacità di movimento e quindi alla mia pratica. Quando non pratico Ashtanga, mi dedico ad altri tipi di allenamento: generalmente inversioni, ma anche anelli, e pesi per rinforzare la muscolatura delle gambe. E naturalmente, faccio surf tutti i  giorni, ogni volta che posso. 

FDE: Cosa consigli a chi è fermo su una posizione da tempo, e a chi deve affrontare limitazioni fisiche, come un infortunio, o la propria costituzione?

MR: Possiamo scegliere di vedere le difficoltà come positive o negative. Se sentiamo negatività, dobbiamo modificare il nostro atteggiamento. Nessuno ci costringe a fare nulla. Abbiamo sempre una scelta. Possiamo sempre modificare la pratica in modo che la nostra costituzione corporea ne tragga il massimo beneficio e sviluppi il suo potenziale. Gli infortuni possono insegnarci molto, e dovremmo osservarli da questa prospettiva. Cosa mi può insegnare questo incidente? E continuate a muovervi. Riposate l’area del corpo che ha subito l’infortunio, ma mantenete il resto in movimento. 

FDE: Mark, tutto il tuo lavoro sugli asana potrebbe diventare un fantastico libro. Stai pensando di scriverne uno, o di raccogliere i tuoi post in modo più organico? 

MR: Non ho ancora una visione chiara sul tipo di libro che potrei creare. Sto però cominciando a raccogliere i miei post preferiti, e questo effettivamente potrebbe diventare materiale didattico, e un bel libro da tenere sul comodino! 

Posso solo aggiungere che non vedo l’ora di leggere i prossimi post di Mark Robberds! E voi?

– intervista raccolta da Francesca d’Errico, maggio 2017

On the Yoga Road: il racconto di Mark Robberds

E’ un onore per me tradurre per i praticanti italiani uno scritto di Mark Robberds, uno dei pochissimi insegnanti certificati KPJAYI al mondo e, per esperienza diretta, una persona davvero splendida. L’idea di questo post nasce da Clinton Griffiths, creatore del popolare sito Ekaminhale, dove potete trovare l’articolo originale. Consiglio a tutti di visitare il sito di Clint, sempre denso di spunti per tutti noi praticanti. Clint e Mark mi hanno concesso di tradurre questa bellissima lettera, forse la lettera che ognuno di noi vorrebbe scrivere a se stesso. Buona lettura!
“Cosa diresti a te stesso da giovane?”
Quando ho chiesto a Mark di scrivere un post per Ekamihale, volevo lasciargli carta bianca. La mia intenzione era di fargli raccontare la sua esperienza di vita, per condividerla con la comunità Yogica. 
Quando ho letto il suo scritto, mi ci è voluto un attimo per comprendere cosa aveva fatto. Mi sono accorto che aveva scritto una lettera a se stesso da giovane. Una lettera molto personale e onesta, in cui spiegava al giovane se stesso il cammino che stava per intraprendere, le sfide che avrebbe dovuto superare e le lezioni che avrebbe imparato. 
Questo post è la pagina di un diario personale, e leggerne le parole vi sarà di grande aiuto, sia che siate all’inizio del vostro viaggio nello yoga, o che siate praticanti da una vita. – Clint”
“Da ragazzo, a soli tre o quattro anni, ti rivolgevi le grandi domande metafisiche sull’esistenza. “Chi sono?”, “Da dove vengo?”, “Dove andrò dopo la morte?”. Chissà da dove arrivava questa necessità di sapere. Forse era una memoria trasmessa dai tuoi predecessori; l’impronta che appartiene a tutta l’umanità e che chiede ad alcuni di noi di “tornare a casa”.

Da giovane, ti era difficile accettare il senso della vita, o accettare che il suo scopo fosse finire la scuola, andare all’università, studiare scienza, tecnologia, matematica, comprare una casa, un’auto, sposarsi, avere figli e un cane. E infine morire, senza avere davvero affrontato i grandi quesiti esistenziali sulla vita e sulla morte. Non che questi obiettivi

Mark Robberds

materiali fossero meno degni di quelli ‘spirituali’: semplicemente non appartenevano alla tua natura. Non erano in cima alla tua lista. Volevi vivere la vita dei tuoi sogni: viaggiare ed esplorare il meraviglioso pianeta su cui viviamo. Volevi conoscere culture diverse, imparare la loro musica, la loro lingua. Volevi fare surf e sviluppare una pratica yoga: studiare con i grandi maestri e approfondire le tradizioni spirituali e mistiche di questo mondo – e in particolare, dell’India.

Nel 2005, dopo aver completato il tuo apprendistato come insegnante, con il cuore spezzato e sofferente ti sei avventurato alla Ricerca. Hai abbandonato la tua casa, ti sei licenziato dal tuo impiego come insegnante, hai venduto l’auto, i mobili, e fatto i bagagli. Ispirato da uno dei tuoi mentori, Clive Sheridan, hai partecipato insieme a lui a molti ritiri di tre settimane in totale silenzio, invocando ogni volta il tuo desiderio di scoprire l’India Sacra. Sogni di pellegrinaggi e avventure in templi e foreste, luoghi carichi di energia; luoghi in cui migliaia, se non milioni di pellegrini fin dalla notte dei tempi avevano iniziato la loro sadhana. I luoghi in cui natura e umanità si intersecano creando vortici di energia ed una presenza tangibile, da assorbire e metabolizzare.
Nel 2006, nel tempio di Mookamabika, a Kollur, hai trascorso un ritiro intensissimo meditando e praticando nelle caverne e nei templi visitati dal Shakaracharya. Ti sei seduto in questi antichi e sacri luoghi, hai camminato a piedi nudi attraverso i villaggi, e lungo la riva del fiume hai suonato la chitarra e composto canzoni. Per giorni hai vagato nei boschi e ti sei bagnato in cascate inaccessibili. Ti sei sentito tutt’uno con la natura, hai interagito con altri viandanti, avvertendo profondamente questo pellegrinaggio nel cuore.
Dopo un lungo viaggio, sei arrivato a Mysore, al Green Hotel, durante il mercato della domenica. Ti sembrava di aver raggiunto una combriccola di occidentali, di essere al Club Med. Tutti erano giovani, leggeri, belli. Tutto sembrava così superficiale, esattamente quello che non volevi trovare in India. Uno shock culturale. Dalla profonda India spirituale e religiosa, dall’incontro con i sadhu, i mendicanti e i devoti, così lontano da ogni agio, eccoti ora in un gruppo che sembrava aver trasferito in India la propria cultura, rendendola il più possibile simile a casa propria. I dubbi ti assalivano, e ti sembrava che tutti fossero interessati solo agli elementi più esteriori della tradizione Yogica – limitandosi alla pratica degli asana. Ti sembrava che nessuno avesse colto la vera essenza della pratica.
Avevi notato che uno degli aspetti negativi dell’Ashtanga Yoga è il suo approccio gerarchico. Per un principiante, questa pratica può facilmente assomigliare ad una scala, da principiante a intermedio ad avanzato. E poiché sono gli studenti “avanzati” ad essere certificati – e quindi in cima alla scala – può esserci la tendenza a fare di tutto per arrivare in cima, e ad idolatrare i praticanti “esperti”. Quindi il metodo, che è uno strumento per giungere all’illuminazione, alla libertà e alla trasformazione personale, può facilmente diventare, da mezzo per giungere ad un fine, il fine stesso – e lo scopo originario della pratica, trovare pace e appagamento, essere facilmente dimenticato. Tutti gli schemi che ci sono stati inculcati sin dall’infanzia – la sensazione di non essere abbastanza bravo, il desiderio di essere amato, visto, apprezzato, riconosciuto, ci allontanano dalla ricerca interiore e ci portano a cercare conferme dall’esterno.
Durante quel viaggio sperimentasti una battaglia interiore. Tutto, alla Shala, ti sembrava l’opposto di ciò che stavi cercando. Perciò ti rimettesti in cammino, affrontasti il Pellegrinaggio del Pancha Bhuta Stalam nel Sud dell’India, verso i cinque templi di Shiva che rappresentano i cinque elementi della natura. Iniziasti col Tempio del Fuoco, nel Tiruvannamalai. Quindi il Tempio di Akasha (Etere), a Chidambaram, a sud di Chennai. Ma, guardandoti indietro, quell’ideale ti appariva troppo romantico, troppo idealista. In realtà, non sentivi un’autentica connessione con i templi Hindu. Ti sembrava di fingere – fingere di essere spirituale, senza avvertire un sincero moto del cuore nei confronti di quegli dei, di quelle dee, di quei rituali, quei rumori, quelle folle – nei confronti di una cultura che non ti apparteneva. La lezione che imparasti fu che il tuo posto del cuore era essere immerso nella Natura. E in breve, ti ritrovasti a Bali, e nell’Oceano.
Per i due anni successivi, la tua relazione con Mysore continuò ad essere conflittuale, eppure ogni anno ti sentivi chiamato a tornare. I dubbi erano ancora tutti lì, ma amavi la pratica intensamente, e questa sensazione era al di là del tuo controllo. Nel 2008, ancora una volta con il cuore spezzato, andasti a Mysore a cercare rifugio. Eri determinato a non soffrire mai più, e come difesa avevi deciso che saresti diventato un praticante eccezionale, talmente immerso nella pratica da sviluppare l’arte del distacco, per non essere mai più triste, per non incontrare mai più la sofferenza.
Non andò proprio così – era tutto parte del piano cosmico, l’elemento che ti spinse ad approfondire la pratica e sviluppare la tua relazione con Mysore. Alla fine di quel viaggio incontrasti l’amore della tua vita, e il tuo legame con l’India divenne un impegno per la vita. Nel 2009, Guruji lasciò il suo corpo fisico, ma per te fu l’anno della rinascita. Partecipasti al primo Teacher Training di Sharath nel 2009, l’anno in cui la comunità dell’Ashtanga Yoga sembrava dividersi tra chi era stato studente di Guruji, e chi sarebbe diventato studente di Sharath.
Stavi ancora cercando, praticando molto, ma avevi capito che i pellegrinaggi non ti avrebbero dato l’appagamento che cercavi. Ciò di cui avevi bisogno era guarire il tuo cuore, qualcosa di cui purtroppo non si parla molto nelle tradizioni spirituali. Non c’era modo di girarci attorno: non bastavano asana, paranayama e meditazione a darti la pace che stavi cercando. Fu allora che realizzasti l’importanza di Yama e Niyama, della capacità di vivere una vita semplice e virtuosa, l’unico vero obiettivo nella vita. Era questo il messaggio che Guruji ti aveva indicato, e che Sharath continuava a mostrarti: diventa stabile nei primi Quattro Rami – Yama, Niyama, Asana e Pranayama – e il resto arriverà. Sharath divenne una figura ispirazionale per te, un uomo che viveva una vita familiare piena di amore, e che autenticamente incarnava virtù morali. Qualcosa a cui aspirare.
Non te ne eri ancora accorto, ma ti stavi avvicinando ad un’età in cui era necessario adempiere anche al tuo destino professionale. Dopo tutti quegli anni trascorsi a soddisfare i chakra superiori e a rispondere alle grandi domande dell’esistenza, dovevi tornare indietro e sistemare i tuoi chakra inferiori: denaro, sesso, potere, carriera, relazioni. La pratica fisica divenne il tuo strumento per affrontarli, per scoprire cosa ti faceva andare avanti. E dopo 15 anni di pratica, stavi iniziando a sperimentare i benefici di tutto il lavoro che ci avevi messo. Iniziasti a viaggiare e insegnare, dando forma alla tua carriera, gettando le basi del tuo futuro; e tornare a Mysore con regolarità, per praticare e dedicare tempo a te stesso, divenne una necessità, e un autentico piacere.
Nel 2015, pieno di gratitudine, ti rendesti conto che stavi vivendo la vita che avevi sempre sognato. Più o meno, tutto ciò che nel 2005 sognavi di realizzare era diventato realtà. Una volta riposto l’idealismo che ti aveva spinto alla ricerca dell’India Sacra, delle grandi Risposte, avevi trovato ciò che davvero aveva valore per te: essere un brav’uomo, appagato nel qui ed ora. L’esperienza di Mysore era diventata genuina, spogliata da desideri o giudizi. Mysore era un luogo in cui ritrovare il tuo Maestro e i tuoi amici, un modo per trascorrere del tempo in India, prenderti una pausa dall’insegnamento e dai viaggi, e dedicarti alla pratica.
La più grande lezione che tutti questi anni ti hanno insegnato è che tutti gli aspetti della vita sono degni di attenzione; che i cosiddetti obiettivi materiali e spirituali sono profondamente interconnessi e non più o meno elevati gli uni rispetto agli altri. Il passato deve essere guarito, e la Ricerca deve essere onorata, ma arriva un momento nella vita in cui devi riconoscere che la vita che stavi cercando è qui, in questo momento. Il percorso è diverso per ognuno di noi, ma alla fine, la saggezza degli antichi, che ci dice di vivere rispettando Yama e Niyama, è tutto ciò che davvero dobbiamo fare. Una volta soddisfatti gli obiettivi materiali, e con la mente e il cuore in pace che derivano dal vivere onestamente e sinceramente, puoi riposare appagato, essere presente a te stesso, al centro della vita e delle sue attività: proprio qui, proprio ora.  – Mark Robberds
Mark Robberds studia Yoga dal 1997. E’ uno dei pochi Insegnanti Certificati da KPJAYI ed ha trascorso 10 anni viaggiando in India e praticando con il leggendario Guru dell’Ashtanga Yoga, Sri. K. Pattabhi Jois, e gli ultimi 6 anni con R. Sharath, nipote e Paramaguru, a Mysore. Ha inoltre studiato con Matthew Sweeney ed Eileen Hall dal 1999 al 2005 presso YogaMoves a Sydney.
Mark insegna in seminari, ritiri e workshop internazionalmente dal 2005. Il suo desiderio è trasmettere lo Yoga ispirando i suoi studenti a sviluppare una passione per la pratica. Le sue lezioni comprendono aspetti filosofici, musica e canti devozionali, per creare una connessione profonda con la tradizione Yoga e tra i praticanti. Per maggiori informazioni visitate il suo sito, Markrobberds.com. Mark sarà in Italia, a Torino, dal 23 settembre per una settimana di pratica, ospite di Gian Renato Marchisio e Stefania Valbusa presso lo studio Yoga Sutra.